comprare casaNewsVendere casa

Variazione dei prezzi a metro quadro delle case nelle diverse zone di Milano?

Quali sono i prezzi a metro quadro a Milano | Gromia
Quali sono i prezzi a metro quadro a Milano | Gromia
52views

Ti chiedi quali siano i prezzi a metro quadro a Milano? Come ben sai, ad influire sono una serie di fattori, tra cui le zone, le condizioni dell’appartamento, la storicità del palazzo e soprattutto, qual è il quartiere in cui si trova l’immobile. Ma per l’anno 2020, qual è il trend in termini di variazione dei costi degli immobili nel capoluogo lombardo?

A causa del lockdown da Covid19, si è creato un caos generale e le quotazioni dei mercati finanziari sono in picchiata. Sarà stato così anche il mercato immobiliare della città di Milano? In questa guida vedremo dettagliatamente l’andamento e le previsioni per tutto l’anno 2020.

Tutti i prezzi al metro quadro Milano zona per zona

Hai un appartamento a Milano ma non sai come comportarti dopo la chiusura del coronavirus? Ti prospetteremo di seguito, i dati aggiornati a giugno 2020 e quelli previsti per i mesi a seguire. In questo elenco troverai i prezzi al metro quadro Milano zona per zona.

Se è pur vero che l’andamento dei prezzi immobiliari a Milano possa variare da un momento all’altro, allo stesso tempo la città lombarda sembrerebbe non aver subito troppi danni (almeno sul costo degli immobili), post-lockdown per il coronavirus.

I prezzi medi per gli immobili della metropoli del Nord Italia ammontano a 4.329,00€ per la vendita al metro quadro, mentre 20,84€ per gli affitti al metro quadro. Più ci si avvicina alle zone centrali di Milano, maggiore sarà il costo per entrambe le locazioni.

Zone Vendita (€/m²) Affitto (€/m²)
Centro 10191 27.07
Arco della Pace, Arena, Pagano 8325 22.88
Genova, Ticinese 7570 22.01
Quadronno, Palestro, Guastalla 8463 23.49
Garibaldi, Moscova, Porta Nuova 8869 27.46
Fiera, Sempione, City Life, Portello 5986 19.24
Navigli 5872 21.73
Porta Romana, Cadore, Montenero 6291 20.57
Porta Venezia, Indipendenza 6659 22.24
Centrale, Repubblica 6224 21.24
Cenisio, Sarpi, Isola 5652 21.47
Viale Certosa, Cascina Merlata 3079 16.32
Bande Nere, Inganni 3857 15.9
Famagosta, Barona 3717 16.32
Abbiategrasso, Chiesa Rossa 3427 18.01
Porta Vittoria, Lodi 4005 18.39
Cimiano, Crescenzago, Adriano 2780 17.14
Bicocca, Niguarda 3068 15.24
Solari, Washington 6202 20.97
Affori, Bovisa 2675 16.95
San Siro, Trenno 3265 15.1
Bisceglie, Baggio, Olmi 2241 13.49
Ripamonti, Vigentino 3595 18.9
Forlanini 2614 14.73
Città Studi, Susa 4747 18.48
Maggiolina, Istria 4396 19.37
Precotto, Turro 3381 16.07
Udine, Lambrate 3432 16.21
Pasteur, Rovereto 3280 19.88
Ponte Lambro, Santa Giulia 2478 13.42
Corvetto, Rogoredo 3082 16.61
Napoli, Soderini 4487 17.98

 

Come puoi notare, i prezzi al metro quadro delle case nelle varie zone di Milano, non hanno subito alcuna variazione nonostante il lockdown e il post, da pandemia del Covid-19.

Il mercato immobiliare a Milano durante, pre e post coronavirus

Una delle preoccupazioni più grandi degli abitanti nel capoluogo lombardo, è la possibile variazione dei prezzi a metro quadro, delle case nelle varie zone di Milano. Da proprietario ed investitore, il primo consiglio che ti diamo è di porre attenzione a dove comprare casa a Milano.

Per farlo dovrai porti degli obiettivi: preferisci una zona in cui poter affittare a prezzi più elevati? Investire in periferia per dar spazio a gente con un budget più ridotto? Alla luce di quel che deciderai, è importante che tu conosca quali sono le zone più care e maggiormente economiche della metropoli del Nord Italia.

Quali sono le zone più care di Milano?

Se sei di Milano, probabilmente sai o immagini già, quelle che possono essere le zone più care del capoluogo lombardo. Tra queste figurano le vie più costose quali: della Spiga, Montenapoleone, Vittorio Emanuele e San Babila.

In questi quartieri si può comperare fino a 5 volte di più rispetto ad un immobile sito in periferia (parliamo di ben 13mila euro al metro quadrato). Seguono i valori massimi o comunque pur sempre elevati, anche zone e quartieri quali:

Cairoli, Cordusio e Brera (più di 12mila euro al metro quadro), seguono Missori, Santa Sofia, Nirone e Sant’Ambrogio.

Le zone meno care di Milano? Esistono!

Se volessi capitalizzare il tuo denaro in zone meno care di Milano sicuramente potresti optare per:

Ospedale San Carlo/Axum (si parla di circa 2.700 euro al metro quadrato), Missaglia/ Gratosoglio, Quarto Oggiaro, Musocco – Villapizzone. Più avanti con 2.800 al mq, ci sono zone quali Inganni/S. Cristoforo (tranne per gli immobili vecchi da ristrutturare il cui costo va per 1.500 euro al mq).

Via Padova/Palmanova, con 2.900. Corvetto, con 3 mila Santa Giulia Rogoredo, Abbiategrasso/Agrippa Forlanini/Mecenate, Lambrate, Fulvio Testi/Cà Granda, Pellegrino Rossi/Affori/Bruzzano.

Le zone in cui gli immobili a Milano crescono sempre di più

Hai l’occhio da investitore e vorresti indagare sugli immobili in zone sempre più in crescita? Puoi consultare la banca dati delle quotazioni immobili dell’AG e cercare ufficialmente il valore suddiviso per trimestri.

Per l’anno 2020 si prevede una crescita per le zone (già care, ma che lo saranno ancor di più), riguardanti:

  • Navigli: prezzo stimato per 5.800€ al metro quadrato;
  • Porta Romana: 6.200€ al metro quadrato;
  • Repubblica/Centrale: 6.200€ al metro quadrato;
  • Porta Venezia: 6.600€ al metro quadrato, ma si prevede un ulteriore aumento.

Variazione prezzi a mq nelle diverse zone di Milano: opinioni finali

Come hai potuto appurare, non si è verificata una drastica variazione dei prezzi a metro quadro delle case nelle diverse zone di Milano, neppure in presenza del coronavirus. Gli esperti prevedono che il mercato immobiliare del capoluogo lombardo possa continuare a crescere, per la forte risposta alla domanda di lavoro.

Un bravo investitore sa individuare la miglior capitalizzazione del denaro in base ai propri obiettivi e soprattutto budget a propria disposizione. In questa guida ti abbiamo mostrato quali sono le zone più costose, in crescita e meno care della città lombarda.

Se fossi un investitore di larghe vedute, sicuramente potresti valutare anche di investire in altre città di Italia, laddove il costo della vita è minore rispetto a Milano e chissà, in vista dell’emergenza Covid-19, molti potrebbero persino pensare a vivere in quest’ultime, lavorando in smart working e risparmiando un po’ di soldi.

Leave a Response

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.