comprare casainvestimenti immobiliariNewsValore ImmobileVendere casa

Previsioni mercato immobiliare 2021 FIAIP: aumento delle compravendite dal 6 all’8%

67views

Il 5 maggio 2021 è uscito il report annuale della Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali realizzato in collaborazione con Enea e I-com. Un report che ha fotografato l’andamento del mercato immobiliare nel 2020 e le previsioni mercato immobiliare 2021

Per quanto riguarda l’andamento nel 2020, le compravendite sono diminuite su base annua del -7.3%. Ma, al netto del bimestre di lockdown, si è registrata una crescita media mensile delle compravendite del 12%. I prezzi invece hanno registrato un calo del -2,3% nel settore residenziale ed un calo ulteriore per il commerciale con i negozi al – 5,36% e gli uffici al -4,7%.

Interessante notare come l’80% dei nuovi immobili compravenduti rientra nelle classi energetiche A1-4 e B. Questo dimostra come gli obblighi di legge sugli standard minimi abbiano inciso in modo rilevante sulle compravendite.  Leggermente in calo invece il dato sulle case più efficienti dal punto di vista energetico sottoposte a ristrutturazione e immesse sul mercato, che è passato dal 36% del 2019 al 30% del 2020.

Insomma, i dati del 2020 dimostrano come il settore immobiliare sia riuscito a resistere nonostante tutto alla pandemia. E cosa ci aspetta invece per questo 2021? Entriamo più nel dettaglio sulle previsioni mercato immobiliare 2021 Fiaip e su quali fattori stanno incidendo maggiormente su questo andamento.

 

Previsioni mercato immobiliare 2021 – il report Fiaip

Le previsioni mercato immobiliare 2021 di Fiaip prevedono una crescita dal 6 all’8% nelle compravendite immobiliari che dovrebbero raggiungere la quota di 590/600.000 unità/annue. 

Parlando di prezzi, gli agenti immobiliari FIAIP sostengono che nel primo semestre 2021 i prezzi degli immobili diminuiranno (secondo il 28%), mentre il 59% del campione sostiene che rimarranno uguali.

Per alcune città come Torino, Bologna, Napoli e Firenze il valore delle abitazioni crescerà dall’1 all’1,5% mentre per altre come Milano l’incremento sfiorerà il 3%.

Il 30% degli agenti immobiliari prevede inoltre un aumento del numero delle locazioni nel corso del primo semestre 2021, soprattutto nelle grandi città dato il ritorno della didattica in presenza.

Tendenze mercato immobiliare 2021

Nell’introduzione del report, il presidente della Fiaip afferma che:

“La domanda si è modificata orientandosi verso immobili più ampi, più luminosi, più comodi, pur registrando un aumento delle disuguaglianze: la maggior parte di chi acquista ha già una o più proprietà. Con l’arrivo della pandemia le case hanno moltiplicato le loro funzioni. Sono diventate ufficio, luogo di studio, aula di scuola, e finanche ristorante e bar. Le stanze in cui abitiamo sono quelle dove abbiamo trascorso gran parte delle giornate del 2020 e dei primi mesi del 2021, e rappresentano sempre più il sogno degli italiani e il luogo sicuro dove riporre i propri risparmi.”

La pandemia ha ridisegnato i nostri bisogni, anche per quanto riguarda le caratteristiche della casa ideale. Come già accaduto nel 2020, la domanda di case per il 2021 è prevista in crescita per due principali motivi:

  • la ricerca di abitazioni più confortevoli, con ampi spazi interni e esterni
  • la crescita dell’investimento diretto su immobili con fascia di prezzo tra 150 e 300 mila euro con rendimenti annui medi del 2-3% e tassi di interesse ai minimi storici

Partendo da questa premessa, ecco alcuni dei trend di maggiore impatto sulle previsioni mercato immobiliare 2021:

Acquisto di case da parte dei giovani under 30

La domanda di case da parte di giovani under 30 è cresciuta del 20% grazie alle nuove esigenze nate durante la pandemia e ai vari incentivi. Agevolazioni che diventeranno ancora più consistenti quest’anno grazie alle novità introdotte dal decreto Sostegni Bis: scopri tutte le misure recentemente approvate sui mutui agevolati per i giovani!

Smart working

Lo smart working e la diffusione degli e-commerce sta ridisegnando sia le esigenze dei privati che delle aziende, che stanno considerando di vendere gli uffici.

Questo dovrebbe portare ad un’ulteriore contrazione dei prezzi di vendita e locazione di uffici e negozi oltre ad una riduzione nei metri quadri richiesti per attività come bar e ristoranti mentre un’espansione negli investimenti produttivi di attività di vendita al dettaglio di generi alimentari.

Per quanto riguarda i privati, lo smart working ha portato ad un boom di richieste per case al mare e di case in campagna.

Politica e incentivi 

L’andamento del mercato immobiliare è fortemente influenzato dalla politica e dalla situazione economica in cui versa il paese. Soprattutto in un periodo come questo.

Non è chiaro quali saranno le conseguenze sociali ed economiche dello sblocco dei licenziamenti di fine giugno 2021 e del calo del PIL del quasi 9% registrato dall’inizio della pandemia. La speranza è che le misure previste dal Recovery Plan, le riforme strutturali previste nel PNRR e le misure in materia fiscale possano controbilanciare i potenziali effetti negativi dei primi due fattori sull’economia in generale, incluso il mercato immobiliare.

Svolta ‘green’

Grazie alla svolta sempre più ecologica portata avanti dalla Commissione UE, la richiesta di abitazione ristrutturate e ad alta efficienza energetica è aumentata del 30%. L’entrata a pieno regime delle norme sugli edifici a emissione quasi zero dovrebbe incidere sensibilmente dovrebbe anche portare ad un aumento ulteriore delle compravendite di case ad alta efficienza energetica.

Inoltre, il premier Draghi ha annunciato la proroga e la semplificazione delle procedure relative al Superbonus 110%. Questo dovrebbe spingere ulteriormente gli italiani a sfruttare incentivi e agevolazioni per la ristrutturazione edilizia per interventi di efficientamento energetico e consolidamento sismico. Il mercato immobiliare 2021 si prospetta diventare sempre più green.

Leave a Response

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.